Office 365 e le imprese: soluzione win win per Microsoft e per le aziende

Office 365 e le imprese: soluzione win win per Microsoft e per le aziende

Skyhigh, azienda americana che offre soluzioni per il monitoraggio di come gli utenti aziendali utilizzano vari tipi di servizi cloud, ha pubblicato alcuni dati relativi all’utilizzo di Office 365 nelle imprese.

Skyhigh ha esaminato un campione di ben 21 milioni di utenti Office (Microsoft non comunica il numero ufficiale di utenti di Office 365, le stime più recenti variano tra 45 e 60 milioni). Nel trimestre che si è concluso il 30 giugno 2015, le entrate Microsoft dal cloud sono cresciute dell’88%.

Skyhigh ha scoperto che un impressionante 87,3% delle organizzazioni ha almeno 100 utenti attivi Office 365.
I responsabili IT citano spesso i vantaggi in termini di costi e la capacità di migliorare la produttività di una forza lavoro sempre più mobile.

La maggior parte delle aziende migrano per stadi

Con il rilascio di Windows 10, era il momento giusto per dare un’occhiata a come Office 365 sta cambiando il modo in cui le aziende lavorano. Windows 10 offre, infatti, una più profonda integrazione con Microsoft OneDrive e il nuovo Universal Office apps for Windows 10 (la nuova versione di Office che supporta desktop, tablet e dispositivi mobili), richiede la sottoscrizione di Office 365.
Questo potrebbe portare molte aziende ad accelerare le migrazioni di Office 365. Le aziende, infatti, oggi non convertono gli utenti Office in blocco al cloud ma procedono per gradi, di solito passando a Office 365 un dipartimento o un ufficio alla volta e gestendo la coesistenza con installazioni on-premises di Exchange e SharePoint e di file server Windows.

In media le aziende monitorate da Skyhigh hanno solo il 7 percento circa di utenti già su Office 365, quindi resta un notevole 93 percento di utenti cloud potenziali.
Questo curva di adozione è in linea con quello che gli esperti IT raccomandano.

Maggiore collaborazione con SharePoint e OneDrive

Dall’analisi Skyhigh si deriva anche che SharePoint Online e OneDrive sono usati come canali di collaborazione tra imprese diverse e come “deposito” di vari tipi di informazioni, anche quelle che sarebbe meglio non conservare in questo modo (in media ogni azienda conserva su OneDrive 143 file che hanno il termine “password” nel nome).

In media un’azienda “comunica” attraverso SharePoint Online e OneDrive con 72 altre aziende partner, ad esempio perché alcuni rispettivi dipendenti si passano in questo modo i documenti relativi a un progetto congiunto.

Skyhigh 1

Dati business-critical

Microsoft ha investito molto nella sicurezza. Alcuni ritengono che le applicazioni cloud, come Office 365, possono essere ancora più sicure del software on-premise. La ragione è che aziende come Microsoft hanno grandi e sofisticati team di sicurezza che passano il tempo a lavorare per prevenire le intrusioni nelle loro applicazioni cloud.

Skyhigh 2

Skyhigh ha analizzato i dati archiviati in Microsoft OneDrive e SharePoint Online e ha scoperto che il 17,4% dei documenti contengono dati sensibili. Suddivisi per tipologia di dati, il 4,2% dei file contengono dati personali sensibili, 2,2% contengono informazioni sanitarie protette, 1,8% contiene conti bancari e numeri di carte di credito e 9,2% contiene dati riservati.

Skyhigh 3

Quello di Office 365 è un mercato in espansione.

L’adozione di Office 365 è una soluzione win-win per Microsoft e per i suoi clienti. La nostra azienda ne è il chiaro esempio. Grazie alla tecnologia Microsoft abbiamo fatto dello SmartWork la nostra parola d’ordine.
Contattateci per conoscere la nostra esperienza concreta.

BringTech, we bring your business into the Cloud. 

Fonte: Skyhigh report https://www.skyhighnetworks.com/

LinkedIn19Twitter0Facebook0Google+2

BTblogger

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>