Cloud Computing in Italia

Cloud Computing: Italia al secondo posto dopo la Finlandia.

Basta costruire infrastrutture IT, le aziende italiane scelgono il Cloud e, per prime, proprio le piccole e medie imprese fanno il passo.

Secondo Eurostat il 40% delle aziende italiane sta puntando sul cloud computing e il nostro Paese è il secondo in Europa dopo la Finlandia a sfruttare i servizi cloud.

Come nasce questo cambiamento così forte?

Se lo scorso anno il mercato del Cloud Computing era stato valutato 493 milioni di euro, quest’anno l’Italia ha decisamente raggiunto il risultato. Non è più indietro rispetto all’Europa, anzi, è sul podio.

Le strategie delle imprese italiane sono cambiate.

La crisi economica ha certamente influito, spingendo le aziende a contrarre gli investimenti sulla parte IT. La risposta è quindi stata immediata: esternalizzare, scegliendo le soluzioni Cloud.

Affidabilità, sicurezza, gestione senza oneri eccessivi. In caso di guasto dell’hardware l’impatto è minimo, la società si attiva nell’assistenza, occupandosi di risolverlo immediatamente. Affidandosi a un partner professionale e competente si superano anche molti altri problemi: il partner conosce le normative ed è in grado di occuparsi autonomamente di tutta la parte di aggiornamenti e bug.

La relazione Eurostat sull’uso dei servizi Cloud nelle aziende dei 28 Paesi dell’eurozona è frutto di un sondaggio condotto all’inizio del 2014. Quello che emerge sorprende positivamente, perché per una volta l’Italia spicca in cima alla classifica, seconda solo alla Finlandia – dove a sfruttare il cloud sono il 51% delle imprese, e di gran lunga superiore alla media EU28 che è del 19%.

L’unico requisito richiesto per l’accesso cloud è ovviamente la connessione a Internet, a cui accede il 97% delle imprese.

Non sorprende nemmeno il fatto che la maggior parte delle imprese che ha scelto il cloud operi nel settore dell’informazione e della comunicazione (45%), seguite da quelle dei settori scientifico e tecnico (27%).

A cosa serve il cloud?

Per lo più per la gestione dei servizi di posta elettronica (66% su base europea, 86% in Italia), ma è elevata anche la percentuale di utenze che si affidano alla nuvola per l’archiviazione di file. In questo caso la media europea è del 53%, e a fare la parte del leone sono Irlanda (74%), Regno Unito (71%), Danimarca e Cipro (entrambi 70%). In Italia siamo al 32%.

BringTech, we bring your business into the Cloud.

LinkedIn11Twitter0Facebook0Google+0

BTblogger

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>